Come fare talee di marijuana

La chiave per un raccolto di alta qualità, inizia come sempre con la scelta della varietà di marijuana da coltivare. È importante avere a disposizione una buona pianta madre che abbia il numero necessario di cloni per la coltura. Oggi giorno, è possibile scegliere le varietà con elevati livelli di produzione che permette di ottenere un raccolto molto abbondante. È inoltre possibile scegliere le varietà con alta psicoattivitá con la percentuale di THC e CBD molto alto. Philosopher Seeds ha un gran numero di piante molto particolari che permettono di fare una selezione e godere delle sue speciali qualità.

Philosopher Seeds
Talee di Marijuana Philosopher Seeds

Materiale necessario per otternere talee di marijuana

Una volta abbiamo fatto la nostra selezione della pianta madre e gode della dimensione ottimale per fare le talee necessarie, possiamo cominciare a tagliare i rami o gemme necessarie per la talea. La nostra madre deve essere ben nutrita con nutrienti NPK bilanciato con un vaso di dimensione abbastanza grande (12-18 L) in modo che la pianta possa svilupparsi in pienezza.

Materiale necessario per le talee:

  • Ormini per il radicamento (può essere gel o polvere). Gli ormoni di radicamento aiutano a creare radici in un tempo molto breve. Così la pianta non subisce lo stress della perdita dei nutrienti. Gli ormoni possono essere trovati in polvere o gel, i quali sono i più utilizzati.
  • Stimolatore delle radici a base di auxina. Questi fluidi aiutano a proliferare la massa delle radici, sono estratti vegetali a base di auxina .
  • Bisturi. Un bisturi sterile per aiutarci a fare un taglio netto e preciso necessario. Dopo ogni utilizzo, devono essere puliti e disinfettati con alcool.
  • Bicchiere per inserire i rami tagliati. In questo contenitore possono essere depositato tagli o rami prima di applicare l'ormone e metterlo nel vivaio per un momento.
  • Un preparato di vitamina B. Ci sono molti prodotti sul mercato specifici per la vitamina B, che sono utili durante il periodo di radicamento, questo preparato è ideale per mantenere sane le piante durante questo periodo.
  • Mini-serra. La mini-serra è essenziale per garantire il buon successo della clonazione. È possibile trovarne riscaldate per consentire il controllo della temperatura all'interno dell'abitacolo. Quelle più semplici senza controllo della temperatura possono servire bene se le condizioni meteorologiche sono favorevoli.
  • Letto di semina o jiffys. I rami, o tagli devono essere piantate in un piccolo letto di semina o con torba, protetti con una maglia (dettasi jiffys). Si possono trovare in blocchi di lana di roccia di diverse dimensioni ideali per il radicamento, o anche in un letto di semina di plastica può essere riempito con il substrato più adatto per questo processo.
  • Spruzzatore. Uno spray può essere utile perchè i piccoli rami appena tagliati non si disidratino e perdano le loro sostanze nutritive.
  • Tipo d'acqua. L'acqua deve essere di tipo dolce, l'acqua con livelli molto elevati di sodio può influenzare e inoltre limitare il processo di radicamento dei tagli preparati.

Philosopher Seeds
Una pianta madre di marijuana

Come fare cloni di marijuana per passo

Una volta che abbiamo selezionato la pianta madre che ci dará i suoi cloni possiamo cominciare a farli con l'aiuto del nostro bisturi disinfettato. Dobbiamo tagliare le estremità dei rami lasciando almeno tre nodi in ciascun clone. Possiamo procedere col tagliare i cloni mano a mano lasciandoli in un bicchiere o un recipiente simile in attesa degli ormoni per il radicamento. Il taglio deve essere il più pulito possibile per evitare che sia la madre che la pianta clone vengano danneggiate. Dopo il taglio dei cloni di cui abbiamo bisogno, siamo in grado di applicare la pasta di guarigione sui tagli che abbiamo fatto tra i rami della pianta madre; in questo modo, si potrá riprendere presto e iniziare a produrre nuovi germogli più facilmente.

Riportiamo la pianta madre all'armadio di coltivo e prepariamo i cloni per il radicamento. Per fare questo, taglieremo a filo l'ultimo nodo di ogni clone (che è l'area che verrà sepolta) e ungeremo l'area da seppellire con gli ormoni di radicamento. Seppellire uno o due nodi rende facile il radicamento e più veloce del caso in cui non lo facessimo con nessun clone quindi dopo averle messe a parte le prime radici cresceranno dalle cicatrici dei tagli fatti). Pianteremo le talee nel medio di radicamento (in questo caso nella torba jiffys che abbiamo idratato con uno stimolante ricco di una base auxina e di vitamina B a pH 6) e procederemo al taglio delle punte delle foglie per evitare la disidratazione. Una volta piantato nel jiffys e rifilato le punte delle foglie a rampollo, possiamo introdurre nella serra per avviare il processo di radicamento.

Dobbiamo mantenere la serra con 18 ore di luce e 6 di buio e ad una temperatura la piú costante possibile; per questo, possiamo usare coperte termiche o serre riscaldate (non vi raccomandiamo l'uso durante il periodo estivo, visto che i cloni soffrirebbero troppo caldo), che consentono lo sviluppo più veloce delle radici. Per questo motivo, molte serre di coltivo dove si combina uno spazio per le madri e per i cloni ,lo spazio di quest'ultimi si trova al di sopra delle madri e cosí facendo la lampada che si trova nella zona inferiore riscalda la serra con i cloni, situata nella zona superiore

Se usiamo una specie di riscaldamento (di solito sempre messo sotto la serra) il substrato si seccherá in un paio di giorni, quindi dovremmo probabilmente idratare più volte durante il processo. Dobbiamo anche mantenere un elevato tasso di umidità relativa nella serra, daremo un po 'd'acqua a spruzzo ogni 2-3 giorni sui cloni (alcuni coltivatori usano concime fogliare). Ventilare la serra una volta al giorno è consigliabile anche per rinnovare l'aria all'interno. Col passare dei giorni (di solito i cloni di cannabis ci mettono tra 7-15 giorni mettere le radici) possono gradualmente abbassare l'umidità all'interno della serra, senza lasciare che vada al di sotto del 70% in ogni caso.

Philosopher Seeds
Dopo più di una settimana le radici sono cresciute sane e forti

Una volta che vediamo le radici uscire dal terreno di coltura, è arrivato il tempo che i cloni vengano trapiantati e iniziano la loro fase di crescita. Durante questa fase è importante utilizzare uno stimolatore delle radici durante ogni irrigazione, cosí otterremo che la zolla colonizzi il terreno al piú presto e renda notevolmente facile lo sviluppo della pianta.

Vi invitiamo a provare questa tecnica è molto più semplice di quanto possa sembrare, ed è un ottimo modo per avere sempre gemme di prima qualità a mano.

Buon Coltivo

Commento a “Come fare talee di marijuana” (1)

avatar

Adriano 23-04-2017
I piccoli cloni stanno cominciando a far ingiallire le foglie quasi seccare direi .. come mai ?

Philosopher seeds Staff

Marta Jáimez 24-04-2017
Ciao, per poterti aiutare avrei bisogno di piú informazioni.Da quanti giorni sta mettendo le radici? Grazie

ATTENZIONE - domande su spedizioni e pagamenti

In caso di dubbi sui metodi di pagamento e di spedizione, consultare la sezione sistemi di pagamento e costi di spedizione Grazie!

Vuoi dare un'opinione su "Come fare talee di marijuana" o fare una domanda su questo post?

Pubblichiamolo!

Puoi verificare che l'indirizzo e-mail sia corretto?

Informazioni su questo blog cannabico

Questo è il blog della banca di semi Philosopher Seeds . È rivolto a persone di età superiore ai 18 anni.

Troverai informazioni sull'autocoltivazione della cannabis, consigli, trucchi e novità dal settore della marijuana.

Per acquistare i semi di Philosopher Seeds e delle migliori seedbank europee, puoi consultare il nostro Catalogo


keyboard_arrow_up