La coltura idroponica per la marijuana

La coltura idroponica (dal ὕδωρ greco [lambda] = 'acqua' e πόνος [ponos] = 'lavoro') è un metodo di allevamento che, nonostante quello che si potrebbe pensare, pare che abbiano incontrato prove di secoli e secoli fa che dimostrino che gli Aztechi o i Romani avessero usato questa tecnica nei loro campi e giardini botanici. Probabilmente gli Aztechi furono i primi ad utilizzare questo metodo in modo efficiente, e lo studio di questa tecnica risale al 382 a.C. Ma ... che cosa è esattamente il coltivo idroponico?

Comprendiamo attraverso il coltivo idroponico - noto anche come coltivazione senza terra - il fatto che le piante crescono in un mezzo inerte (sterile) o direttamente in una soluzione minerale che nutre le nostre piante. Così, in entrambi casi, piante ricevono nutrienti attraverso l'acqua (soluzione nutritiva) e non dal substrato in cui sono alloggiati. Vedremo a seguito i vari terreni di coltura più utilizzati in questo sistema come adattare questa tecnica per la coltivazione della cannabis.

Per coltivare questo metodo di coltura, vi consigliamo ceppi più corti di misura , perché in coltura idroponica le piante hanno una tendenza a crescere verso l'alto più che nella coltivazione nella terra. Noi del Philosopher Seeds consigliamo la coltivazione per le seguenti varietà per ottenere colture omogenee addirittura anche dai semi: Black Bomb, Heaven's Fruit, Tropimango, Sugar Pop, Orange Candy e Guava Berry Kush.

Philosopher Seeds
Slendido germoglio cresciuto in cocco

Mezzi di coltivazione idroponica

Come detto, i mezzi di coltura idroponica non hanno una riserva di sostanze nutritive che radici delle piante assorbiranno, ma sono totalmente inerte, pertanto sarà il compito del coltivatore quello di preparare una soluzione nutritiva per alimentare le piante. Quindi, il substrato è solo un supporto perché la pianta possa sviluppare un apparato radicale efficiente con la quale potrà assorbire i nutrienti forniti attraverso l'acqua d'irrigazione.

Uno dei principali vantaggi di utilizzare substrati inerti è il fatto di avere il pieno controllo sui nutrienti che le piante ricevono, è l'agricoltore che deve fare la miscela nutritiva giusta per ogni fase di sviluppo delle colture. Normalmente, i mezzi di coltivo idroponico provoca un grande ossigenazione nella zona radicale, che significa pertanto più radici e miglior sviluppati (come vedremo in seguito, questo dipende anche dalla temperatura dell'acqua di irrigazione).

Philosopher Seeds
Talee in un secchio di lana di roccia con sistema a goccia

Tradizionalmente, i mezzi come ghiaia, sabbia lavata, roccia vulcanica o perlite sono stati spesso utilizzati nella coltura idroponica. Anche se molti di questi mezzi tradizionali sono ancora in uso, nuovi substrati di coltivo idroponico sono apparsi negli ultimi decenni. Ecco alcuni dei più popolari oggi giorno:

  •     Il Argilla espansa, è uno dei mezzi più popolari di coltura idroponica tra i coltivatori. Fornisce un buon supporto per le radici delle piante, con abbondanza di ossigeno disponibile, in modo che crescano notevolmente in casi di rischi. Se vogliamo evitare un lungo e noioso lavoro, sarebbe meglio allora acquisire questa argilla già accuratamente lavata e con un pH regolato ad un valore adatto per la coltivazione.
  •     Rockwool (lana di roccia) è anche uno dei mezzi più utilizzati sia nel coltivo idroponico che nel settore dell'edificazione, in quanto ottimo isolante termico. E 'stato scoperto all'inizio del XX secolo in Hawaii grazie all'attività vulcanica della zona, e da allora si produce a partire dalla roccia vulcanica, emulando l'azione di un vulcano sulle rocce. La sua struttura filamentosa e la ritenzione d'aria di grande capacità rendono un mezzo ampiamente utilizzato in agricoltura.
  •     La fibra di cocco, che proviene principalmente dall' Asia, è diventato un mezzo molto popolare negli ultimi decenni. La sua struttura simile alla terra e la sua grande capacità di ritenzione idrica e l'ossigenazione il cocco si aggiudica come il substrato preferito da molti coltivatori. È spesso utilizzato per migliorare i terreni, e oggi giorno molti substrati commerciali hanno un parte di fibra di cocco per migliorare la loro consistenza e le proprietà. Vi consiglio di leggere il post sulla coltivazione della marijuana in fibra di cocco.
  •     Perlite è un prodotto derivato da minerali che sono stati sottoposti a temperature elevate per espandere (come avviene anche con la argilla espansa). Viene spesso utilizzato per migliorare altri substrati, anche se può essere usato come mezzo di coltura idroponica attraverso una maggiore ritenzione idrica e aerazione.

Il Mapito è un mezzo usato per anni soprattutto dai coltivatori olandesi. Si tratta di una miscela di fiocchi di lana di roccia e cocco con una grande capacità di ritenzione di ossigeno e di umidità, ideale per la coltivazione di marijuana. Viene utilizzato molto come la lana di roccia.

Sistemi di coltura idroponica

I sistemi di coltivazione idro / aeroponico funzionano alla grande con la maggior parte delle varietà di marijuana. Grazie alle sue caratteristiche ed esigenze, questa pianta si adatta molto bene a tali sistemi, crescono vigorosamente e fioriscono splendidamente se i parametri di irrigazione sono corretti.

Se abbiamo deciso di intraprendere la coltura idroponica abbiamo principalmente due opzioni: acquistare un prodotto finito che richiede solo che lo montiamo e attacchiamo la spina o fabbricarne uno proprio. Anche se può sembrare una sfida per il coltivatore novizio di cannabis, chiunque abbia una certa esperienza con la coltura idroponica riuscirebbe facilmente a realizzare un proprio sistema senza dover spendere troppi soldi.

  • Esistono numerosi sistemi operativi idroponiche con piccole variazioni. Questi sono alcuni dei più comunemente utilizzati:I sistemi passivi basati sulla capillarità del mezzo che circonda le radici e dove non viene utilizzato nessun tipo di pompa per fornire la soluzione nutritiva. Il mezzo di coltura rimane in contatto con la soluzione nutritiva immagazzinata in un piccolo serbatoio.
  •     I sistemi flusso e riflusso utilizzano una pompa per riempire il vassoio in cui sono alloggiati gli impianti, in modo che anche l'area delle radici è completamente immerso. Una volta che l'immersione è completa, la soluzione nutritiva viene drenata al serbatoio in attesa della sucessiva irrigazione.
  •     L'irrigazione a goccia è uno dei più utilizzati per la facilità di montaggio, manutenzione e risultati eccellenti sistemi offerti. Una pompa dell'acqua trasporta la soluzione nutritiva attraverso una serie di tubi e irrigazione capillare dal serbatoio alle piante. La frequenza di irrigazione è impostato secondo le esigenze dell'impianto a seconda dello stato di sviluppo si trovi.
  •     Nei sistemi DWC, le radici appendono dalla netpot alla soluzione nutritiva depositata nel fondo del secchiello chiuso che funge da vaso. Una pompa aria ossigena costantemente la soluzione nutritiva producendo centinaia di micro-bolle e schizzi, che nutrono le radici delle piante.
  •     I sistemi NFT sono costituiti da un vassoio da cui scorre lentamente la soluzione nutritiva e sulla quale riposano le piante. Così, le radici delle piante sono in permanente contatto con i nutrienti forniti dall'acqua. Una pompa dell'acqua garantisce che il circuito soluzione nutritiva non viene interrotta.

Philosopher Seeds
Piante in Arlita

Da questo punto si sono sviluppati diversi tipi di sistemi di coltura idroponica sia professionali che domestici, a volte combinando alcuni di quelli che hanno visto e ottenendo sistemi ibridi con prestazioni eccellenti.

Vi è un'altra tecnica che semplicemente non utilizza nessun tipo di terreno di coltura. Questo metodo è chiamato anche l'aeroponica, e segue lo stesso principio del sistema dei coltivo idroponico: alimentare le piante attraverso una soluzione nutritiva e non dal mezzo di coltura.

Nell'aeroponica, le radici si appendono liberamente all'interno di una camera oscura, nella quale ricevono grandi quantità di sostanze nutritive e ossigeno necessari per la crescita. A partir da questa idea , abbiamo sviluppato numerosi sistemi di coltivazione aeroponica con piccole variazioni, o sistemi che potrebbero essere considerati ibridi come il già citato NFT (Nutrient Film Technique) o DWC (Deep water culture =coltura in acque profonde), che poi risultano un mix tra idroponica (le radici vivono in un mezzo, la soluzione nutritiva) e aeroponica (una parte delle radici appendono senza il mezzo di sostegno).

Philosopher Seeds
I sistemi aeroponici funzionano magnificamente

Coltura idroponica della cannabis

Crescere marijuana con il sisema di coltuvo idroponico è relativamente semplice. Questi sono alcuni dei principi fondamentali che si devono ricordare:

  •     I nutrienti vengono forniti con l'acqua di irrigazione, pertanto si devono acquisire nutrimenti liquidi (solubili o solidi in acqua) preparati per per questo tipo di coltura. Ricordarsi di acqua soltanto con acqua in ambiente inerte significa che la pianta non muore dalla mancanza di umidità, ma nessuno dei due è nutrimento.
  •     La soluzione nutritiva deve contenere la quantità massima di ossigeno, e quindi dovrebbe essere a 19-22ºC. Nel caso di utilizzo di un serbatoio di soluzione nutritiva, pertanto installare una pompa d' aria per ossigenare viene altamente raccomandato. La sua acidità deve essere compresa tra pH 5,5 (crescita) e pH 6 (fioritura). La EC(quantità di nutrienti disciolti in acqua) approssimativa dovrebbe variare tra 1-1,2 (crescita) e 1,4-1,8 (fioritura).
  •     Quando si utilizza serbatoio di soluzione nutritiva, occorre svuotare e pulire circa ogni due settimane. Per ottenere risultati ottimali, installare una pompa d'aria per ossigenare la soluzione nutritiva e un riscaldatore d'acqua per mantenerlo ad una temperatura adeguata, di circa 20°C. Naturalmente, è necessario avere anche una pompa d'acqua che fornisca la soluzione per le piante. Infine, un termometro acqua permette di conoscere la temperatura della soluzione a tutti i tempi.
  •     La frequenza di irrigazione dipenderà in gran parte dal substrato scelto e la fase di sviluppo della pianta. Il coltivatore esperto non avrà troppi problemi ad adeguarsi alle esigenze delle piante, anche se il coltivatore principiante dovrebbe osservare attentamente lo stato del substrato per sapere quando irrigare. Una volta conosciute le caratteristiche del substrato in relazione alle esigenze di acqua della pianta, la programma della frequenza di irrigazione diventa un processo facile e meccanico.

Philosopher Seeds
Un adeguato controllo del pH ed EC è essenziale

Quindi, per la maggior parte dei sistemi di coltura idroponica che usiamo, abbiamo bisogno di:

  •     Un substrato inerte
  •     Un serbatoio per la soluzione nutritiva (S / N) e tubi di irrigazione (se necessario)
  •     Fertilizzanti per la coltura idroponica
  •     Misurini del pH, EC e temperatura del S / N
  •     Pompa di aria per ossigenare il S / N
  •     Pompa d'acqua per il trasporto del S / N
  •     Un riscaldatore di acqua per mantenere il S / N a circa 20 ° CCondurre una coltura idroponica con successo è molto più facile e più gratificante di quanto sembri, quindi da parte del team Philosopher Seeds vogliamo incoraggiarvi a provalo e raccogliate i migliori risultati delle vostre piante.Se avete domande o commenti su questo articolo saremo lieti di ricevere e rispondere alle vostre richieste.Buona fumata!

Commento a “La coltura idroponica per la marijuana” (0)

ATTENZIONE - domande su spedizioni e pagamenti

In caso di dubbi sui metodi di pagamento e di spedizione, consultare la sezione sistemi di pagamento e costi di spedizione Grazie!

Vuoi dare un'opinione su "La coltura idroponica per la marijuana" o fare una domanda su questo post?

Pubblichiamolo!

Puoi verificare che l'indirizzo e-mail sia corretto?

Informazioni su questo blog cannabico

Questo è il blog della banca di semi Philosopher Seeds . È rivolto a persone di età superiore ai 18 anni.

Troverai informazioni sull'autocoltivazione della cannabis, consigli, trucchi e novità dal settore della marijuana.

Per acquistare i semi di Philosopher Seeds e delle migliori seedbank europee, puoi consultare il nostro Catalogo


keyboard_arrow_up