Coltivazione della marijuana all'aperto in policoltura

Perché si cresce la marijuana in monocoltura?

Indipendentemente dalla poca disponbilità di spazio che si ha per una coltivazione all'aperto, può sembrare un po 'assurdo coltivare un singolo prodotto. Nella coltivazione della marijuana, per vari motivi, di solito si finisce con optare per la monocoltura, sprecando la ricchezza e i vantaggi di integrare la coltivazione della cannabis in una policoltura di verdure, piante aromatiche e fiori.

Le piante di marijuana si adattano perfettamente alle colture orticole, sia urbane che rurali. La condivisione dello spazio di coltivazione con altre verdure genera benefici dai quali la cannabis ne può usufruire in modi diversi.

Oltre all'evidente vantaggio in una varietà di prodotti ottenuta da una policoltura, se ci riferiamo ai benefici diretti della cannabis coltivata in una policoltura, possono influenzare positivamente aspetti importanti come il controllo dei parassiti e malattie, concimazione, produzione e la qualità finale del raccolto.

Le piante di cannabis mimetizzate tra piante aromatiche possono anche aiutarci a dissipare l'odore.
Le piante di cannabis mimetizzate tra piante aromatiche possono anche aiutarci a dissipare l'odore.

A parte tutto questo, non bisogna dimenticare un altro aspetto molto importante che offre la policoltura alla cannabis, come la possibilità di camuffare le piante di marijuana. La posizione corretta delle piante ambite come la marijuana, all'interno di una combinazione di verdure, può essere la chiave per passare inosservata. Se in quella combinazione di verdure ci sono piante aromatiche può anche d'aiuto per dissipare l'aroma a volte indiscreto della cannabis.

Allelopatia, associazioni di coltivaggio e di cannabis

All'interno del mondo vegetale ci sono piante che hanno le cosiddette proprietà allelopatiche, queste piante attraverso radici, foglie o fiori, rilasciano e trasudano essenze o fragranze che contengono composti allelochimici.

Questi composti biochimici chiamati allelochimici producono un fenomeno biologico chiamato allelopatia, che è la relazione simbiotica o antagonistica stabilita tra piante della stessa coltura da parte di detti composti biochimici.

Questi composti allelochimici influenzano la cannabis e l'ambiente circostante della coltura, cioè, influenzano le piante della stessa coltura, la fauna che abita e circonda la coltura e i microrganismi che vivono sotto il terreno di coltivazione.

Le loro influenze sulla flora e sulla fauna sono diverse, possono avere effetti attraenti, repellenti, inibitori o stimolanti. Le piante con proprietà allelopatiche possono essere verdure, erbe aromatiche, piante medicinali, fiori e alcune erbe infestanti.

Includere le varietà di marijuana in una buona associazione di coltivazione orticola insieme a piante aromatiche e fiori può essere una combinazione eccellente, oltre ad essere un'opzione di coltivazione biologica ed ecologica in cui è incoraggiata la biodiversità dell'ambiente vicino al raccolto.

Piante autofiorenti di Philosopher seeds integrati in una policoltura, un intero giardino commestibile e che si possa fumare
Piante autofiorenti di Philosopher seeds integrati in una policoltura, un intero giardino commestibile e che si possa fumare

Gli argomenti a favore dell'agricoltura biologica sono innumerevoli, in particolare per la coltivazione biologica di marijuana, in cui le piante migliorano le proprietà organolettiche (aroma e sapore) e la qualità del contenuto generale della resina delle piante.

Le associazioni di coltivazione e allelopatie rientrano in quelle che sarebbero tecniche e applicazioni compatibili con colture e permacultura sostenibile,tra cui ci puó stare senza dubbio la coltivazione della marijuana.

In queste colture, è importante che lo sviluppo delle piante sia il più naturale possibile, ottenendo un controllo ecologico e un controllo dei parassiti al 100%. Il risultato sono prodotti puliti, di migliore qualità e che rispettino l'ambiente. La marijuana, se è biologica, sarà sempre la migliore marijuana.

Come integrare la marijuana in una policoltura

L'incorporazione della cannabis in una policoltura deve essere effettuata nel modo più naturale e logico. La distribuzione del raccolto deve rispettare la posizione delle altre piante, tutte le piante dovrebbero avere spazio sufficiente per svilupparsi e l'adeguata incidenza solare, dobbiamo fare in modo che le piante non siano ostruiti o siano un fastidio l'una all'altra.

È importante pianificare correttamente lo spazio di coltivazione, evitando il progressivo aumento delle dimensioni di tutte le piante della policoltura.

La distribuzione delle piante, in particolare quelle che saranno vicine alla marijuana, può essere configurata seguendo tre criteri di associazione delle piante; piante di accompagnamento o accompagnantrici ,sono piante che producono vantaggi per altre piante della stessa coltura, piante repellenti, piante che respingono gli insetti dannosi alle colture e piante trappola, responsabili ad attrarre via i parassiti dalla pianta principale.

Foto: La guarida del fumeta
Foto: La guarida del fumeta

Piante di accompagnamento

Le piante chiamate di accompagnamento o piante affini forniscono benefici ad altre piante, una associazione di verdure influisce nella fertilizzazione del raccolto en nell'aroma, il sapore finale delle piante. Le piante accompagnatrici devono sembrare a quella della cannabis per poter approfittare dei suoi effetti.

Borragine: La sua coltivazione fornisce e fissa le vitamine e i minerali nel terreno , beneficio di cui godono tutte le piante attorno ad essa. Le foglie secche possono essere utilizzati anche come imbottitura o mulchig, questo è utile per piante di marijuana, grazie alla lenta dissoluzione del calcio e potassio sono concentrati ottenute dalle foglie essiccate della borragine.

Erba medica e trifoglio: Due tipici esempi di piante ottime per la fissazione dell'azoto, nutriente essenziale nella fase di crescita di marijuana. Mantengono il livello dell' azoto nel terreno, oltre a fornire vari minerali che aiutano a nutrire le piante intorno. Frutteti o giardini dove la marijuana viene coltivata aiuta a mantenere un buon drenaggio del terreno, in particolare l' erba medica. Il trifoglio è grande come un pacciame vivente, oltre a controllare lo sviluppo delle erbacce invasive.

Consolida Maggiore: questa pianta, oltre ad essere bellissima, è un gioiello per ogni coltura. Le sue radici raggiungono notevole profondità e agiscono come mezzo di trasporto come un ascensore dei nutrienti dal sotterraneo, rendendoli disponibili per le altre. A sua volta, questa azione per catturare nutrienti dal strati più profondi, rendendo questa pianta un grande accumulatore dinamico, le foglie contengono livelli molto elevati di potassio. Un buon pacciame di foglie secche della consolida assicura alla terra della marijuana la presenza di potassio, nutriente essenziale ed indispensabile durante la fase fioritura .

La menta e la consolida, una pianta repellente e l'altra pianta acompagnarice, due alleate della cannabis
La menta e la consolida, una pianta repellente e l'altra pianta acompagnarice, due alleate della cannabis

Piante repellenti

Una pianta repellente è una pianta che di solito emana un aroma intenso che spaventa uno o piú insetti. Queste piante si trovano di solito nel perimetro del raccolto, come barriera protettiva o vicino a una particolare pianta, come la marijuana, per proteggerlo più direttamente da insetti che potrebbero essere dannosi. Le piante repellenti sono un metodo efficace per il controllo delle piaghe e delle malattie delle piante.

Basilico: pianta aromatica di molteplici usi in cucina, nella coltivazione respinge afidi, zanzare e mosche bianche. Coltivato ai piedi delle piante della marijuana o nello stesso vaso, secondo alcuni coltivatori, migliora le proprietà organolettiche della cannabis.

Zecca: un'altra nota pianta aromatica molto spesso presente nelle terrazze, giardini e frutteti, famosa per il suo aroma intenso e le sue proprietà. La menta aiuta a mantenere le formiche, mosche bianche e scarafaggi lontani dalla marijuana. La sua coltivazione è facile e grata data la sua crescita vigorosa, è sempre meglio isolarlo coltivandolo in un vaso dato che è molto invasivo. Il suo forte aroma può aiutare a mitigare l'odore della marijuana.

Nasturzio: pianta ornamentale proveniente dal Sud America, ampiamente diffusa nei giardini e frutteti. Aiuta a respingere e rimuovere le lumache, le formiche, le mosche bianche e gli afidi dalle piante principali. Piantato vicino alla cannabis lo proteggerà e colorerà il raccolto con le diverse tonalità di rosso, arancio e giallo grazie al suo fiore. I suoi petali sono commestibili, essendo una grande fonte di vitamina C.

Camomilla: la camomilla è ben nota per le sue proprietà come tisana. Piantata tra le piante di marijuana, oltre ad arricchire visivamente il raccolto con i suoi fiori, spaventa mosche bianche e nematodi. Questa pianta in decomposizione rilascia fosforo e potassio.

Piante trappola

Le piante trappola o le trappole sono un altro metodo che assicura che le piante che viene utilizzato per combattere gli insetti nocivi. Queste piante sono responsabili per attirare gli insetti nocivi lontano dalle piante principali come la marijuana. Sono distribuiti attorno al raccolto, o vicino e intervallati tra piante sensibili da attaccare. Una volta che il parassita si trova nella pianta trappola, è facile da eliminare. Un'altra funzione delle piante trappola è quella di dare rifugio a predatori di insetti che sono dannosi per il raccolto principale.

Il tabacco come una cosídetta trappola attira con la nicotina gli insetti intrappolandoli nelle foglie
Il tabacco come una cosídetta trappola attira con la nicotina gli insetti intrappolandoli nelle foglie

Girasole: per diversi motivi il girasole é un grande alleato delle piante di marijuana. Attrae ed allontana dal raccolto gli insetti colture dannosi per la cannabis come afidi e acari. Inoltre cattura gli insetti di impollinazione, cosa che bisogna riconoscere come un gran vantaggio visto che questi pollinizzatori sono predatori di molti insetti dannosi che minacciano la marijuana come i temuti ragnetti rossi. Le dimensioni e i colori dei girasoli aiutano a camuffare le piante di cannabis.

Tabacco: La pianta del tabacco è una delle piante trappola per eccellenza, per qualsiasi coltivazione all'aperto di marijuana non dovrebbe mai mancare una pianta di tabacco. Il tabacco con le sue grandi foglie piene di tricomi e ghiandole, cattura gli insetti, quali aleurodidi e afidi, attratti dalla nicotina intrappolandole nelle foglie e muore. Con le sue foglie, con una semplice procedura, viene elaborato un efficace insetticida ecologico. A causa delle loro dimensioni, sono anche una buona opzione per aiutare a nascondere le piante di marijuana

Ruta: una pianta spesso utilizzato in agricoltura come pianta trappola, l'aroma e il colore confonde e attira ad essa gli insetti dannosi per la cannabis come mosche, afidi, acari, lumache. Agisce anche come repellente contro la mosca bianca e con i gatti. La ruta è una pianta rustica che si adatta molto bene, non è esigente quando si tratta del suolo, hanno solo bisogno di essere annaffiate e buona esposizione al sole.

Tutte queste piante sono solo un esempio dei beni che la natura ci offre e per pura ignoranza non conosciamo le loro applicazioni nella coltivazione di cannabis.

Senza dubbio ci sono molti altri tipi di configurazioni per la policoltura che integrano la pianta di marijuana, pertanto incoraggiamo i coltivatori di cannabis ad indagare, in quanto argomento vasto, e, naturalmente, che si smetta la monocoltura e che si vadano integrando diverse verdure che accompagnano la cannabis.

Buona policoltura naturale!

Commento a “Coltivazione della marijuana all'aperto in policoltura” (2)

avatar

Gianni 21-04-2020
Il rosmarino e la salvia possono essere coltivati in multicoltura accanto alle piante di marijuana o possono creargli problemi?

Philosopher seeds Staff

Berto 21-04-2020
Ciao Gianni, Nessun problema, al contrario, la policoltura è una grande esperienza. Saluti!

avatar

gianka 08-02-2020
fantastico questo argomento!!!bravi ragazzi!!!....

Philosopher seeds Staff

Berto 10-02-2020
Grazie mille, felice di condividere il nostro argomento con te!

ATTENZIONE - domande su spedizioni e pagamenti

In caso di dubbi sui metodi di pagamento e di spedizione, consultare la sezione sistemi di pagamento e costi di spedizione Grazie!

Vuoi dare un'opinione su "Coltivazione della marijuana all'aperto in policoltura" o fare una domanda su questo post?

Pubblichiamolo!

Puoi verificare che l'indirizzo e-mail sia corretto?

Informazioni su questo blog cannabico

Questo è il blog della banca di semi Philosopher Seeds . È rivolto a persone di età superiore ai 18 anni.

Troverai informazioni sull'autocoltivazione della cannabis, consigli, trucchi e novità dal settore della marijuana.

Per acquistare i semi di Philosopher Seeds e delle migliori seedbank europee, puoi consultare il nostro Catalogo


error_outline Utilizzo dei cookies

Utilizziamo cookie propri e di terzi per migliorare l'esperienza di navigazione e offrire contenuti di interesse. Continuando a navigare capiamo che accetti la politica sui cookie di Philosopher Seeds

keyboard_arrow_up