Prevenire i parassiti nella coltivazione della marijuana

In questo periodo dell'anno, quando l'estate è proprio dietro l'angolo e il caldo è più che evidente, è necessario iniziare a prendere una serie di misure preventive per evitare il verificarsi di parassiti nelle piante della cannabis, soprattutto se non é stato fatto nulla durante il resto dell'anno ed indipendentemente dalla varietà di marijuana coltivata. La coltivazione al chiuso in questo periodo viene di solito accompagnata da una serie di parassiti, spesso si ripetono ciclicamente ogni estate principalmente a causa delle alte temperature e il grado di umidità. Pertanto gli acari, tripidi e mosche bianche compaiono più facilmente in questo periodo, per questo si consiglia vivamente di iniziare con un programma di prevenzione dei parassiti nel nostro raccolto per garantire che le nostre piante siano in grado di svilupparsi al loro massimo potenziale.

Indipendentemente dal fatto che la vostra coltivazione sia al chiuso o all'aperto, è un momento ideale per iniziare tali trattamenti. Iniziamo quindi un programma di prevenzione che ci assicura che le piante si possano sviluppare a pieno durante il pre-start della fioritura, in questo modo dovrebbero iniziare completamente priva di parassiti o malattie, se vogliamo raggiungere la massima qualità e le maggior rendimento possibile .

La coltura di prova del Nepal Gum OG indenni da parassiti
La coltura di prova del Nepal Gum OG indenni da parassiti

Presentiamo qui un numero di fattori da prendere in considerazione a questo proposito, così come molti preventivi più comunemente usati per il controllo e gestione dei parassiti, sia di insetti che di infezioni fungine. Come sempre, da parte di Philosopher seeds si consiglia di utilizzare metodi completamente naturali e che rispettino l'ambiente, anche se vi introdurremo qualche rimedio chimico a cui ricorrere solo in casi di estrema necessità.

Prevenzione di parassiti della piantagione al chiuso della cannabis.

Anche se possono sembrare aspetti fondamentali per i coltivatori esperti, ripassiamo a seguito alcuni fattori da prendere in considerazione per cercare di prevenire problemi di parassiti nella coltivazione indoor della cannabis durante i mesi più caldi dell'anno. Come accennato, acari, ragnetto rosso, mosche bianche sono spesso i protagonisti in queste circostanze.

  • Igiene delle colture: L'igiene in agricoltura è essenziale per prevenire i parassiti e le malattie delle piante. Rimuovere qualsiasi materia vegetale in decomposizione avanzata e mantenere puliti i vasi aiuterà notevolmente. Si possono anche togliere i rami più bassi delle piante per migliorare l'aerazione e, per inciso, per sbarazzarsi di insetti che la popolano, visto che spesso attaccano le piante giusto iniziando per questa zona.
  • Temperatura e umidità: É importante che la temperatura e l'umidità non superino il calore ottimale per il corretto sviluppo delle nostre piante. Utilizzare l'aria condizionata, tubi cool (riflettori che si raffreddano con l'aria), aumentare la ventilazione nella coltura (attenzione con gocce drastiche di umidità), accendere le luci solo di notte, utilizzando attrezzature LED o lampadine CFL a basso consumo o aggiungendo umidificatori ai vapori freddi sono alcune cose che possiamo fare. Coprire qualsiasi estrattore o inspiratrice d'aria con una rete anti-trip per evitare che entrino materiali nella coltura. Probabilmente è necessario aumentare la frequenza di irrigazione durante il resto dell'anno; alcune piante con il substrato troppo secco si indeboliscono presto ottenendo tutti i tipi di infezioni.
  • Scelta della varietà: Una corretta scelta della varietà da coltivare è essenziale per un raccolto di successo, soprattutto quelle con le condizioni che di solito hanno coltivazioni all'aperto durante l'estate. Si consiglia di scegliere varietà resistenti ai parassiti come per esempio Heaven Fruit o Easy Haze. Questo permetterà di evitare qualsiasi problema e forse di perdere un intero raccolto, come per esempio una piaga di ragnetti rossi o uno qualsiasi degli insetti citati possono avere conseguenze catastrofiche per le nostre piante in molto meno tempo di quello necessario a completare la loro fioritura. Inoltre, nella maggior parte dei casi, avremo con maggior possibilità raccogliere con successo i frutti delle nostre piante se selezioniamo piante con un periodo di fioritura più breve possibile.

I ragnetti rossi possono rovinare una coltivazione in serra della cannabis, soprattutto nel periodo estivo
I ragnetti rossi possono rovinare una coltivazione in serra della cannabis, soprattutto nel periodo estivo

Prevenire i parassiti nella coltivazione all'aperto della cannabis

Nonostante le differenze evidenti, misure preventive da seguire per la coltivazione all'aperto sono praticamente la stessa che abbiamo visto per piante coltivate al chiuso. Qui ci sono alcuni aspetti specifici di questo tipo di piantagione.

  • Terra: Si dovrebbe scegliere la zona piú soleggiata e ventilata possibile, al riparo da forti correnti d'aria. Evitare l'agglomerazione di troppe piante ed è importante mantenere abbastanza spazio tra loro, e metterle lontano da altre piante che possono attrarre i parassiti (le rose, per esempio, tendono ad attrarre afidi e oidio). In tale contesto, si possono aggiungere tra le piante di cannabis delle altre che agiscono come piante repellenti per insetti naturali, come la menta piperita, rosmarino o artemisia, e molti altri. Naturalmente, rimuovere periodicamente residui vegetali morti o in decomposizione.
  • Temperatura e umidità: Poco può essere fatto contro l'umidità e la temperatura ambiente in una piantagione all'aperto perché il coltivatore dipende dalla natura e non ha alcun controllo su questi parametri, come accade nella coltivazione al chiuso. Come abbiamo visto, la scelta del terreno è importante per fornire una buona ventilazione nella coltivazione e perché entrambi i parametri vengano mantenute nell'intervallo desiderabile. Se avete troppa luce solare, si possono coprire le piante con ombreggiatura, zanzariera o rete anti-trip ,in questo modo le piante reagiranno nello stesso modo come se fossero in una serra (alcuni coltivatori costruiscono una vera e propria "gabbia" che copri rete anti-trip e che ha messo sulle piante, per proteggerle meglio). In questo caso o in una serra,si deve fornire l'aerazione dello spazio della coltura, soprattutto durante le ore più calde del giorno e durante la formazione della rugiada, la mattina presto.
  • Scelta della varietà: In aggiunta a quanto detto precedentemente nel caso di una coltivazione al chiuso, dobbiamo aggiungere che nelle piante di coltivazione all'aperto sono più sensibili agli attacchi di infezioni fungine come Botrytis, oidio e i bruchi (che a suo volta possono derivare a problemi di botrite). Quindi, è meglio scegliere varietà resistenti come Fruity Jack o Tropimango così come le due varietá consigliate precedentemente sopra con l'umidità. Naturalmente, sará di aiuto la scelta di varietà più precoci possibili, con la fioritura completata entro la fine dell'estate, che di solito è accompagnata dalle prime piogge prima dell'autunno. Come sapete, il nostro Early Maroc è un campione quando si tratta di fioritura veloce !

Prevenire i parassiti nelle colture, è fondamentale
Prevenire i parassiti nelle colture, è fondamentale

Prodotti preventivi per le piante di cannabis infestante

Diamo un'occhiata ad alcuni dei prodotti di prevenzione - se insetticidi o fungicidi - i più comunemente usati tra i coltivatori della cannabis. Si prega di notare che v'è una vasta gamma di prodotti in commercio cosí come ricette per rimedi casalinghi; Ancora una volta, osserviamo le più comuni. Dopo aver visto i diversi prodotti vi proponiamo un piano preventivo per sia le piante in fase vegetativa che le piante in fioritura. Siate consapevoli del fatto che per alcuni di questi prodotti, si consiglia l'uso di un agente umido per migliorare la loro efficacia. Ricordate, inoltre, si ottengono i migliori risultati con acqua distillata o acqua d'osmosi.

  • L'olio di Neem: olio vegetale estratto dai semi e frutti dell'albero neem. É usato come insetticida contro gli acari, come il ragnetto rosso, afidi o tripidi, sia larve che adulti. Agisce per contatto,sulle foglie o le radici, ed è anche un buon preventivo per funghi quali botrytis, muffe o ruggine. Il suo effetto dura 10-15 giorni e può essere utilizzato in combinazione con sapone di potassio.
  • Sapone di potassio: Questo sapone é fatto da sali di potassio. È efficace nel trattamento di infezioni di insetti come aleurodidi, afidi, tripidi e mealybugs. Agisce per contatto, distruggendo lo strato protettivo dell'insetto. La durata della sua efficacia é di solito molto breve un paio di giorni.
  • Estratto di cannella: si estrae dalla corteccia interna dell'albero di cannella. Usato contro gli acari per contatto, inoltre ha delle proprietà anti ossidanti e rigenertive sul terreno, rafforzano le sue difese contro i fattori di stress. È inoltre efficace nel trattamento delle infezioni di oidio. La durata della sua efficacia è di solito circa 10-15 giorni.
  • Estratto di Crisantemo: Chiamato anche piretro, estratto di fiori di crisantemo utilizzato fin dal 1000 aC contro gli afidi, tripidi, bruchi, mosche bianche e cocciniglia. Può essere miscelato con il sapone di potassio per un effetto preventivo più potente. La durata della sua efficacia é di circa 10 giorni, e agisce per contatto. È sensibile alla luce, pertanto è altamente raccomandato applicarlo quando cala la sera.
  • Zolfo: Lo zolfo micronizzato può essere utilizzato sia per coprire la pianta come sublimatore, che lo riscalda fino a sublimarlo. Di solito è usato contro insetti e funghi, anche se di solito ci si limita solo al periodo vegetativo, cioè la crescita.É quindi un prodotto di ampio spettro, sarebbe meglio informarsi bene prima di usarlo.Rame: usato anche come correttore in carenza di rame per stimolare lo sviluppo delle radici, ci sono vari fungicidi formulati a base di rame fatti per trattare infezioni fungine come Botrytis, ruggine o Alternaria, nonché vari batteri fitopatogeni. Si applica quando si fa scuro per ottenere la sua massima efficacia, e non si dovrebbe fornire aminoacidi alla pianta alla quale si sta facendo un trattamento con rame.
  • Propoli: una sostanza prodotta dalle api per sigillare i loro alveari. Possiede anti fungine e antibatterico, che sono utilizzati da molti produttori per evitare funghi come oidio o botrite, oltre a contribuire vitamine B, C ed E e essere un efficace proprietà per rigenerare i tessuti(ideale per le piante madri).

Le api producono propoli per sigillare i loro alveari (Foto: Flickr)
Le api producono propoli per sigillare i loro alveari (Foto: Flickr)

  • Equiseto dei campi: un estratto delle piante Equisetaceae (comunemente chiamato "coda di cavallo") che contiene saponine e flavonoidi. Rinforza la struttura della pianta e possiede rinomate proprietà antifungine. É importante utilizzarlo isolato.
  • Bacillus thuringiensis: Indubbiamente uno dei più utilizzati contro i bruchi parassiti. L'applicazione di questo prodotto evita che i bruchi mangino la pianta, quindi serve per evitare il rischio di Botrytis. É importante iniziare il trattamento durante la stagione di crescita, soprattutto quando all'aperto.
  • Trichoderma: I ceppi di questo fungo benefico colonizzano le radici delle piante e le proteggono contro altri funghi patogeni e stimolano l'aumento della produzione di fitormoni. Aggiunto all'acqua di irrigazione ed è efficace contro le infezioni da Fusarium, Pythium Rhizoctonia o molti altri. É molto importante usarlo come prevenzione, perché le infezioni fungine nella zona della radice di solito sono quasi impossibili da trattare.
  • Predatori naturali: Oltre a questi prodotti, si possono verificare anche un certo numero di predatori che attaccano naturalmente ai vari parassiti che ti interessano prevenire o sradicare. Insetti come Phytoseiulus Permisilis (ragno rosso), Amblyseius californicus (ragno rosso), il laevigatus Orius (tripidi), la vespa Encarsia formosa (whiteflies) o Aphidoletes aphidimyza (afide). Se si vuole introdurre una popolazione di predatori è molto importante sapere che i prodotti che abbiamo visto in precedenza li influenzi.
  • Sostanze chimiche: devono sempre rappresentare l'ultimo disperato appello per qualsiasi agricoltore, soprattutto per piantagioni all'aperto. Ci sono un sacco di composti attivi per il trattamento di vari insetti o funghi, in molti casi per via sistemica. Evidenziamo quest'ultimi per la loro efficacia del penconazolo per oidio, spiromesifen (ragno rosso) fungicidi triazoli (botrite, oidio), tiacloprid (mosche bianche) o l'imidacloprid (tripidi) e molti altri. É molto importante non usare questi prodotti durante la fase di fioritura, quindi è fondamentale che le nostre piante sono in buona salute prima che inizi tutto. Per questo é importante prevenire!
  • Altro: Oltre a questi prodotti, è possibile sviluppare una miriade di tisane e ricette fatte in casa (macerazione tabacco da fiuto, aglio, menta, Burgalés brodo, ecc), oltre a utilizzare trappole catcher, esche di insetti o maglie di anti viaggio.

Foglia di cannabis con l'oidio
Foglia di cannabis con l'oidio

Il trattamento per la prevenzione dei parassiti nella cannabis

Se le nostre piante sono in condizioni buone, sane e privi di parassiti o di carenze di nutrienti, dobbiamo fare in modo che rimangano così fino alla fine del raccolto. Se siamo al corrente di insetti che di solito appaiono nella zona in cui si sta coltivando, sarà una questione di usare il prodotto appropriato per questi parassiti. Questo sarebbe un buon piano di prevenzione per i parassiti tipici che di solito appaiono durante questo periodo dell'anno. Infatti, i coltivatori più esperti usano un piano di questo tipo per tutto l'anno, sia per la coltivazione all'aperto che in serra:

Piante in fase vegetativa

  • Dopo ogni trapianto, o ogni due settimane in caso di piante madri, si consiglia irrigazione con Trichoderma al fine di garantire un sistema di radici sano e protetto
  • Applicare un insetticida ad ampio spettro (neem, sapone di potassio o quasi tutti quelli che abbiamo visto) una volta a settimana
  • Ogni due settimane bisogna spruzzare con solo dell'acqua
  • Un paio di settimane prima dell'inizio della fioritura spruzzare Bacillus thuringiensis (in caso di colture all'aperto si consiglia l'applicazione settimanale di Bacillus durante il mese di luglio)
  • Una settimana prima dell'inizio della fioritura si applicano equiseto

Piante in fase di fioritura:

  • Il giorno di inizio della fioritura applicare un insetticida ad ampio spettro
  • Circa 4 giorni dopo spruzzare propoli a volontà
  • Dopo 4-5 giorni applichiamo insetticida
  • Dopo 4-5 giorni applichiamo propoli, cannella o qualsiasi anti fungine

Macchia sulla foglia di cannabis tipica di una piaga di trips
Macchia sulla foglia di cannabis tipica di una piaga di trips

Per le colture indoor, vi consigliamo di non lasciare che fioriscano le piante che mostrano segni di parassiti, per quanto piccoli essi siano. Si consiglia di non applicare i prodotti quando le piante stanno già sviluppando i fiori, anche se alcuni di questi prodotti possono essere utilizzati durante la tarda fioritura. Se usato con piante che hanno già germogli, spruzzare esclusivamente le foglie e leggere con attenzione le istruzioni del produttore prima di farlo. È sempre preferibile evitare prodotti azione sistemica durante questa fase della coltivazione.

Speriamo che questo articolo vi aiuti a prevenire problemi di piaghe e parassiti nel vostro raccolto, come insetti e funghi che sono senza dubbio la principale causa di fallimento tra i maggior parte dei coltivatori e, come si suol dire, prevenire è sempre meglio che curare!
Buon divertimento coltivando!

Commento a “Prevenire i parassiti nella coltivazione della marijuana” (2)

avatar

Cannabis Info Point 11-03-2019
salve, ho un'infestazione di tripidi nella mia growbox (ho dovuto mettere le piante all'aperto per una notte). Alcune piante sono in fioritura avanzata, alcune altre appena germogliate. Non riesco ad uscirne: ho usato L’olio di Neem prima e un insetticida chimico a base di cipermetrina dopo. Non so più cosa fare....

Philosopher seeds Staff

Berto 26-03-2019
È delicato fare alcune applicazioni fogliari quando la pianta è in fase di fioritura avanzata. L'olio di Neem va bene, l'estratto di piretrine o il sapone di potassio combattono anche i tripidi. Cerca di non aumentare troppo la temperatura o l'umidità nella stanza di crescita. È una situazione difficile, se le piante vanno in peggio, taglia e salva ciò che puoi dal raccolto. Auguri !!

avatar

tiny menegon 06-05-2018
Si può usare l’olio di lino per la canapa industriale? Grazie

Philosopher seeds Staff

Marta 11-05-2018
Sì, puoi anche usarlo per la canapa industriale.

ATTENZIONE - domande su spedizioni e pagamenti

In caso di dubbi sui metodi di pagamento e di spedizione, consultare la sezione sistemi di pagamento e costi di spedizione Grazie!

Vuoi dare un'opinione su "Prevenire i parassiti nella coltivazione della marijuana" o fare una domanda su questo post?

Pubblichiamolo!

Puoi verificare che l'indirizzo e-mail sia corretto?

Informazioni su questo blog cannabico

Questo è il blog della banca di semi Philosopher Seeds . È rivolto a persone di età superiore ai 18 anni.

Troverai informazioni sull'autocoltivazione della cannabis, consigli, trucchi e novità dal settore della marijuana.

Per acquistare i semi di Philosopher Seeds e delle migliori seedbank europee, puoi consultare il nostro Catalogo


error_outline Utilizzo dei cookies

Utilizziamo cookie propri e di terzi per migliorare l'esperienza di navigazione e offrire contenuti di interesse. Continuando a navigare capiamo che accetti la politica sui cookie di Philosopher Seeds

keyboard_arrow_up