Pianifica una coltivazione di marijuana all'aperto

Il momento migliore per pianificare la prossima coltivazione all'aperto di marijuana é verso la fine dell'inverno o all'inizio della primavera , c'è abbastanza tempo per preparare tranquillamente un piano ideale in base alle nostre possibilità.

Lo studio dello spazio di coltivazione, insieme al calcolo dei mezzi a nostra disposizione e alla dedizione che possiamo fornire, rafforzeremo la probabilità di ottimizzare le risorse cosí come il tempo e il denaro che investiremo durante l'intero processo del raccolto.

Questo lavoro previo di pianificazione ci aiuterá anche ad anticipare situazioni o esigenze specifiche del raccolto che si verificheranno durante il suo sviluppo: irrigazione, concimazione, potatura, prevenzione, raccolta, ecc.

Piccolo spazio all'aperto di una fase di crescita in vaso di una varietà di marijuana autofiorente
Piccolo spazio all'aperto di una fase di crescita in vaso di una varietà di marijuana autofiorente

Come primo consiglio, ti suggeriamo di aprire un quaderno di coltivazione o di scaricare una delle tante app per il raccolto che si sono diffuse da poco. Lì possiamo organizzare il raccolto e prendere nota delle cose necessarie per il monitoraggio del raccolto.

Spazio di coltivazione

Prima di tutto dobbiamo sapere le condizioni di superficie e ambientali che avrá lo spazio che destineremo alla coltivazione della marijuana. Calcolando la superficie, conosceremo il numero di piante che possiamo coltivare allo stesso tempo. La distanza consigliata tra le piante va da 1 metro a 1,5 metri, e se c'é lo spazio disponibile e meglio se si possono separate ulterioremente.

I principali fattori ambientali che devono essere presi in considerazione nello spazio di coltivazione sono l'orientamento solare più le ore di incidenza solare diretta, la protezione dal vento e le intemperie in generale e il grado di umidità dell'aria. Un altro fattore da tenere in considerazione nello spazio di coltivazione è l'accesso all'acqua.

Coltivazione di marijuana all'aperto in fase di fioritura avanzata
Coltivazione di marijuana all'aperto in fase di fioritura avanzata

Luce solare nella coltivazione della marijuana

Visto dall'emisfero settentrionale, uno spazio di coltivazione di marijuana all'aperto dovrebbe essere sempre orientato a sud, al contrario per i coltivatori nell'emisfero meridionale dove gli spazi di coltivazione all'aperto dovrebbero essere orientati a nord.

Più sono le ore di incidenza solare (ore di sole diretto) e meglio è. Al di sotto di 4-6 ore di incidenza solare il raccolto soffrirà soprattutto nella produzione di gemme.

Protezione del raccolto

Una coltivazione di marijuana all'aperto dovrebbe essere ben protetta dal vento. Data la struttura della pianta, specialmente quando è sviluppata e in fioritura, non dovrebbe essere esposta a forti venti in quanto vi è il chiaro pericolo che alcuni dei suoi rami si spezzino o si debilitino. Se l'impatto del vento è inevitabile, un buon sistema di puntellatura che sostiene le piante può sempre aiutare.

L'ideale sarebbe organizzare una protezione contro malattie e parassiti che possono influenzare il nostro raccolto per anticipare questi possibili incidenti. Possiamo avere sempre a disposizione molti dei prodotti fitosanitari sul mercato o optare più per una strategia di prevenzione e meno aggressiva sulle piante come per esempio la tecnica della trappola, ad esempio mettendo tra le piante di marijuana tabacco che attirano diversi parassiti impedendo che quest'ultimi si installino nella coltivazione della cannabis.

Spazio di coltivazione di marijuana all'aperto ben adattata e mimetizzata
Spazio di coltivazione di marijuana all'aperto ben adattata e mimetizzata

Un altro fattore di protezione non meno importante è la discrezione e l'occultamento della coltivazione della marijuana. È sempre meglio evitare occhi indiscreti, specialmente quelli di ladri, amici di altri. Se è il caso e abbiamo bisogno di discrezione è consigliabile cercare varietà di struttura indica, robusta, ampia e di statura minore rispetto ad un ceppo sativa che si crescono tendenzialmente di più e di solito la loro periodo di fioritura è un po' più lungo.

Anche le varietà Autofiorenti potrebbero essere una buona scelta quando si é alla ricerca di discrezione con una coltivazione all'aperto, queste piante tendono ad avere piccole stature ed il periodo di coltivazione dura in totale delle varietà di colture di semi regolari o semi femminizzati.

Anche le varietà molto aromatiche non sono poi cosí consigliate se il luogo di coltivazione è vicino a un luogo affollato. Una buona risorsa per mimetizzare un raccolto all'aperto consiste nell'usare tessuti per nasconderle o usare elementi che le coprono e mascherano.

Umidità di un raccolto all'aperto

L'umidità relativa dell'aria in uno spazio di coltivazione può condizionare la sua disposizione. Se il luogo di coltivazione all'aperto ha un'umidità elevata e costante dobbiamo aumentare lo spazio tra le piante e selezionare varietà di marijuana che tolleri l'umidità, altrimenti rischiamo che le nostre piante si ammalino a causa dell'umidità come per esempio la temuta botrytis o muffa grigia.

Pianta di marijuana coltivata all'aperto colpita dalla botrite
Pianta di marijuana coltivata all'aperto colpita dalla botrite

Per questo raccomandiamo la potente e produttiva Easy Haze della nostra linea classica, o all'interno della linea Golo la Spicy CBD, una varietà indicata per uso terapeutico. Entrambe le piante eccellenti particolarmente resistenti alle affettazioni prodotte da condizioni di alta umidità.

Acqua di irrigazione

L'acqua è un altro fattore importante nello spazio di coltivazione. L'acqua di irrigazione dovrebbe essere facilmente accessibile e meno trattata è, migliore é. Nel caso di irrigazione con acqua dalla rete pubblica, è consigliabile misurare, e se possibile bilanciare, i livelli di pH e CE.

Scegliere i semi di marijuana

Il momento della scelta dei semi è un altro momento importante, ed il più eccitanti, nella pianificazione del raccolto. Prendendo in considerazione i precedenti fattori dello spazio, dovremmo cercare varietà di marijuana che si adattino il più possibile alla superficie e alle condizioni ambientali disponibili.

Fattori ambientali, come l'umidità descritta sopra, possono condizionare le varietà di semi che stiamo per piantare. Le temperature minime e massime che si verificano nella zona del raccolto, o le ore di luce a seconda della latitudine in cui ci troviamo, sono anche condizioni ambientali che possono influenzare nel momento della scelta dei semi.

Scegli varietà di semi di marijuana che si adattano alle condizioni ambientali
Scegli varietà di semi di marijuana che si adattano alle condizioni ambientali

Una volta chiarite le condizioni ambientali dell'area di coltivazione, dovremo scegliere tra semi femminizzati, regolari o autofiorenti. Se non abbiamo molta esperienza o non abbiamo molto spazio, è meglio scegliere semi femminizzati o semi autofiorenti che, oltre ad essere facili da coltivare, passano inosservati a causa delle loro dimensioni più piccole e della loro rapida fioritura.

Se invece siamo esperti coltivatori e abbiamo abbastanza spazio per poter separare i maschi dalle femmine possiamo scegliere di seminare semi regolari di marijuana.

Ora non resta altro che decidere dettagli come il sapore e l'aroma dell'erba, l'effetto della marijuana che ci piace di piú, se cerchiamo varietà terapeutiche con CBD, se diamo la priorità alla produzione o alla qualità della pianta, tempo totale di coltivazione, se vogliamo gemme per fare estrazioni o ottenere hashish, ecc.

Coltivazione all'aperto nel terreno o in vaso

La differenza tra un raccolto all'aperto fatto nei vasi o nel terreno si trova fondamentalmente nella terra usata per la coltura, nel substrato nel caso del vaso e la terra nel terreno. Si puó acquistare uno dei tanti substrati attualmente in commercio per la coltivazione di marijuana.

Marijuana coltivata all'aperto direttamente sul terreno in quello che chiamiamo un raccolto di guerriglia
Marijuana coltivata all'aperto direttamente sul terreno in quello che chiamiamo un raccolto di guerriglia

Substrati commerciali per la coltivazione di marijuana in vaso mescolano diversi tipi di torba, fibre selezionate, pezzi di corteccia d'albero, perlite, ecc. Se sono substrati ecologici, cosa altamente raccomandato, saranno concimati con fertilizzanti organici come humus di lombrico, farina di ossa, guano di pipistrello, ecc. Questi substrati fertilizzati garantiscono un apporto sufficiente di sostanze nutritive alla pianta per almeno 6 settimane.

Per le piante di marijuana cresciute direttamente sul terreno dobbiamo scavare un buco di circa 50 cm. di profondità e 50 cm. di diametro per pianta. In quel buco aggiungeremo, e mescoleremo con il terreno da esso prelevato, i nutrienti e gli elementi come le fibre o le cortecce delle piante che danno una migliore struttura alla terra di coltivazione. Vale la pena aggiungere un po 'di prodotto al mix che incoraggia la vita microbiotica del terreno.

Ricorda che prima di effettuare il trapianto finale a terra avremo dato circa 8 settimane di crescita in vasi contando dalla germinazione del seme.

Nella coltivazione di cannabis all'aperto è importante rigenerare il terreno quando il raccolto è diretto nel terreno
Nella coltivazione di cannabis all'aperto è importante rigenerare il terreno quando il raccolto è diretto nel terreno

Con queste basi principali di coltivazione all'aperto possiamo pianificare i bisogni più comuni che possono essere dati e prevedere possibili incidenti che possono sorgere durante la coltivazione.

Coltivare all'aperto la marijuana è un processo bello e molto visibile, se è ben pianificato ci godremo questo processo, impareremo da esso e sarà probabilmente uno dei fattori determinanti per ottenere un raccolto abbondante e di qualità.

Buon raccolto e buona fumata!

Commento a “Pianifica una coltivazione di marijuana all'aperto” (1)

avatar

Giovanni 29-08-2019
Salve io ho provato a piantare 2 volte ma senza successo, la prima seminato a giugno troppa acqua e quando la piantina era 3 cm è morta,la seconda volta a luglio,sono arrivate a 10 cm e sono "bloccate" in cosa sbaglio, premetto sono semi autofiorenti..

ATTENZIONE - domande su spedizioni e pagamenti

In caso di dubbi sui metodi di pagamento e di spedizione, consultare la sezione sistemi di pagamento e costi di spedizione Grazie!

Vuoi dare un'opinione su "Pianifica una coltivazione di marijuana all'aperto" o fare una domanda su questo post?

Pubblichiamolo!

Puoi verificare che l'indirizzo e-mail sia corretto?

Informazioni su questo blog cannabico

Questo è il blog della banca di semi Philosopher Seeds . È rivolto a persone di età superiore ai 18 anni.

Troverai informazioni sull'autocoltivazione della cannabis, consigli, trucchi e novità dal settore della marijuana.

Per acquistare i semi di Philosopher Seeds e delle migliori seedbank europee, puoi consultare il nostro Catalogo


error_outline Utilizzo dei cookies

Utilizziamo cookie propri e di terzi per migliorare l'esperienza di navigazione e offrire contenuti di interesse. Continuando a navigare capiamo che accetti la politica sui cookie di Philosopher Seeds

keyboard_arrow_up