Tricomi nella cannabis

Tricomi nella cannabis

Nel mondo della cannabis si è spesso parlato di tricomi. Essi contengono la maggior parte dei cannabinoidi e terpeni prodotti dalla pianta, e sono quindi ciò che viene comunemente chiamata resina, desiderio di ogni amante delle estrazioni e concentrati di marijuana. Mano a mano che la pianta si sviluppa durante le sue varie fasi secerne vari tipi di tricomi, di gran lunga il più noto e desiderato tra tutti é il tricoma ghiandolare. Sappiamo anche che il colore dei capi dei tricomi ghiandolari determina la raccolta ottimale della marijuana, sia al chiuso che all'aperto

I tricomi sono quindi la ragione per la quale la maggior parte dei consumatori della cannabis consumano questa pianta, perché è in queste ultime non solo si producono sostanze psicoattive (quelle che cercano gli utenti per il proprio diletto), ma anche altri cannabinoidi non psicoattivi come il CBD (ricercato dai pazienti, perché noto per il gran numero di applicazioni terapeutiche) o i terpeni, che sono idrocarburi con grande capacità aromatica che danno ad ogni pianta la sua fragranza e una proprietà distintive, inoltre permette di interagire con i cannabinoidi per fornire ad ogni pianta profili unici per i suoi effetti.

In questo articolo approfondiremo questo argomento emozionante e vedremo che cos’è esattamente un tricoma, così come i tipi di tricomi che produce la pianta della cannabis e perché.

Cannabis produce un sacco di tricomi
Cannabis produce un sacco di tricomi

Che cos'è un Tricoma?

I tricomi sono secrezioni epidermiche prodotte da alcuni vegetali, naturalmente anche delle diverse varietà di cannabis. Possono essere unicellulari o formate da varie cellule, prendendo forme diverse a seconda della loro composizione e funzione. Quindi ci sono diversi tipi di tricomi (piú informazioni a seguito), con forme e dimensioni diverse, per cui alcuni possono essere visti ad occhio nudo - anche se non in dettaglio - per poter riconoscere altri tipi c'è bisogno di una lente di ingrandimento o microscopio.

Dal momento che un seme della cannabis germoglia, la piccola piantina inizia a secernere tricomi. Mano a mano che cresce continua a produrre più secrezioni di vario genere, essendo la fase di fioritura la fase quando la maggior parte tricomi appaiono, soprattutto nelle piante di cannabis femminili. Così, quella che durante la fase di crescita sembrava una pianta "verde" alla fine della fioritura diventa una bella esplosione completamente ricoperta di fiori in resina, cioè tricomi. Questo è un caso, poiché la femmina è responsabile della produzione del seme - cioè, per garantire la prole - e, come vedremo in seguito una delle principali funzioni dei tricomi è la protezione.

Grande quantitá di tricomi ghiandolari
Grande quantitá di tricomi ghiandolari

La funzioni dei tricomi sono diversi, ma la maggior parte sempre collegate alla protezione della pianta. Si ritiene che il ruolo dei tricomi non ghiandolari è principalmente quello di proteggere il tessuto della pianta contro agenti meccanici esterni (insetti, sfregamenti, etc.) la luce (UV) e infine contro la disidratazione e le temperature estreme, in quanto aiutano a trattenere l'umidità nella zona epidermica e regolare la sua temperatura. Molti di questi tricomi si trovano nei fusti, piccioli e foglie, e in misura minore nei fiori.

Abbiamo parlato di tricomi non ghiandolari, quindi è il momento, come regola generale, di classificare facendo una sola distinzione tra tricomi ghiandolari e non ghiandolari. La differenza principale è che i tricomi ghiandolari secernono sostanze dai loro capi(ghiandole), mentre non ghiandolare non lo fanno. Ci possono essere alcun tricomi non ghiandolari unicellulari e pluricellulari, mentre tutti i tricomi ghiandolari sono pluricellulari.

Osserviamo un po' da vicino i diversi tipi di tricomi che si trovano nella pianta della cannabis femminile.

Tipi Tricoma della cannabis

Lasciando da parte le distinzioni tra i tricomi ghiandolari e non ghiandolari, questi sono i tipi di tricomi che la cannabis femminile assicurano durante tutto il loro ciclo di vita, la formazione dei cotiledoni e la prima coppia di foglie fino alla senescenza.

Tricomi ghiandolari (alcune degradate), sessili e bulbouse (Foto: 420Magazine)
Tricomi ghiandolari (alcune degradate), sessili e bulbouse (Foto: 420Magazine)

Semplici tricomi unicellulari:

Essi sono i primi ad apparire, come già si trovano sulla superficie dei cotiledoni. Per tutta la vita della pianta si formano nella parte inferiore delle foglie e, in minore abbondanza, sulla sua superficie. La sua funzione principale è quello di ridurre la perdita di acqua e di fornire isolamento contro temperature estreme. Essi hanno una forma simile a quella di un capello.

Tricomi Cistolítici:

Appaiono anche nelle fasi di vita vegetale, come sono stati osservati sulla superficie della prima coppia di foglie vere. Assomigliano molto a semplici tricomi unicellulari, con la differenza che i cistolítici sono più lunghi e hanno un cistolito alla base formata da carbonato di calcio. Il tatto sulle foglie é rugoso in grado di proteggerli dai predatori.

Tricomi ghiandolari sessili:

Si tratta di una ghiandola di resina di circa 25 micron senza piede o gambo , che si legano alla epidermide attraverso una singola cellula che funge come un gambo e rimane nascosto sotto la testa ghiandolare. Questa testa ha delle cellule secernenti nella sua parte inferiore, mentre nella parte che la separa dalla membrana vengono conservati i cannabinoidi ed oli essenziali secreti da tali cellule.

Tricomi sessili anterali:

Sono stati trovati tricomi sessili nelle antere della cannabis. Questo è il tipo di tricoma sessile più grande, con una dimensione di circa 80 micron. Si trova anche nel calice intorno antere, sebbene sia di più piccole dimensioni, simile al resto di tricomi sessili.

Tricomi ghiandolari e cistolítici  (Foto: The Weed Blog)
Tricomi ghiandolari e cistolítici  (Foto: The Weed Blog)

Tricomi Bulbouse:

Si tratta di un tricoma ghiandolare piú piccolo, misura circa 10-20 micron. Compaiono all'inizio nello stelo e sulle foglie della parte inferiore della pianta, ma in seguito si presentano in tutta la parte aerea di quest'ultima . Possono essere costituite da due cellule che uniscono una testa semplice, oppure una testa ghiandolare composta da vari compartimentanti.

Tricoma Capite-Stalked:

Come sappiamo, noi siamo più interessati a suo alto contenuto di cannabinoidi e terpeni. Si trovano in calici, piccioli, brattee e bracteolos della cannabis femminile, anche presso le antere in alcuni esemplari maschi di alcune varietà. La sua struttura è simile a quella dei tricomi sessili, anche se con una breve vita - con una scadenza -la loro testa ghiandolare viene sostenuta da un gambo formato da diverse celle. Tale radice cresce man mano che i tricomi maturano,per questo nelle sue fasi iniziali possono essere difficili da distinguere dai tricomi sessili.

Le teste dei tricomi sono molto simili a quelle dei sessili (con superficie basale che unisce lo stelo, una zona comune costituita da cellule secretorie e uno spazio di magazzinaggio degli ingredienti attivi), ma leggermente superiore. Queste teste si gonfiano progressivamente mentre le cellule secernenti producono i composti, raggiungendo una dimensione di 70-100 micron.

Tricoma Capite-Stalked  (Foto: Nugshots)
Tricoma Capite-Stalked  (Foto: Nugshots)

La maturazione dei tricomi cannabis

Mano a mano che la pianta segue il suo ciclo di vita, i tricomi si stanno sviluppando e maturando. Le cellule secretorie all'interno delle teste della ghiandola rilasciano sempre più composti, in modo che i suoi colori possono cambiare completamente dal trasparente (tricomi immaturi) per diventare biancastre o lattescenti (concentrazione ottimale di cannabinoidi) e poi passare a un color ambra ( tricomi in fase di senescenza, vari composti secreti nella testa cominciano a degradare).

Nel nostro articolo su quando raccogliere piante di cannabis abbiamo già parlato di questo fatto, così come l'importanza di osservare i tricomi delle nostre piante con una lente di ingrandimento o microscopio per determinare correttamente il momento ottimale di raccolta. Si dovrebbe aspettare di osservare i tricomi ghiandolari maturi, cioè fino a quando vediamo che la maggior parte di loro sono diventati lattiscenti e non vi è una sola ambra (circa il 10%)

Tricomi ghiandolari (Capite-stalked, sessili e Bulbouse) che mostrano segni di maturazione (Foto: Cannabis Culture)
Tricomi ghiandolari (Capite-stalked, sessili e Bulbouse) che mostrano segni di maturazione (Foto: Cannabis Culture)

Dobbiamo notare anche che, mentre le nostre gemme - già tagliate e secche -stagionano, i tricomi continuano il loro processo di maturazione, in cui vari cannabinoidi e terpeni si degradano in altri composti. Durante il processo di raccolta ed essiccazione, se la manipolazione e le condizioni non sono eseguite correttamente, i tricomi si degradano più veloce e molte di esse possono rompersi e rovinarsi. Per questo motivo, coloro che vogliono ottenere la miglior qualità della concentrazione della cannabis cercano di coccolare i loro fiori in ogni momento.

Speriamo che questo articolo vi abbia aiutato, se avete domande o commenti, saremo lieti di rispondervi!

Buona fumata!

Commento a “Tricomi nella cannabis” (0)

ATTENZIONE - domande su spedizioni e pagamenti

In caso di dubbi sui metodi di pagamento e di spedizione, consultare la sezione sistemi di pagamento e costi di spedizione Grazie!

Vuoi dare un'opinione su "Tricomi nella cannabis" o fare una domanda su questo post?

Pubblichiamolo!

Puoi verificare che l'indirizzo e-mail sia corretto?

Informazioni su questo blog cannabico

Questo è il blog della banca di semi Philosopher Seeds . È rivolto a persone di età superiore ai 18 anni.

Troverai informazioni sull'autocoltivazione della cannabis, consigli, trucchi e novità dal settore della marijuana.

Per acquistare i semi di Philosopher Seeds e delle migliori seedbank europee, puoi consultare il nostro Catalogo


error_outline Utilizzo dei cookies

Utilizziamo cookie propri e di terzi per migliorare l'esperienza di navigazione e offrire contenuti di interesse. Continuando a navigare capiamo che accetti la politica sui cookie di Philosopher Seeds

keyboard_arrow_up