Manuale di coltivazionePagina 2

La temperatura dell'acqua nella coltivazione della cannabis

La temperatura dell'acqua nella coltivazione della cannabis
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Spesso troppo dimenticata, la temperatura dell'acqua di irrigazione (se utilizzando concimi solidi) o soluzione nutritiva (se utilizzando concime liquido) rappresenta un fattore importante per le piante per il corretto sviluppo delle radici che possano crescere e seguire un processo di fioritura corretto, specialmente se si parla di coltura idroponica o aeroponica. Alcuni coltivatori alle prime armi non si rendono conto di questo fatto e non si preoccupano nemmeno di misurare la temperatura dell'acqua con cui annaffiano le piante, che spesso si trasforma in problemi erroneamente diagnosticati, che aggrava ulteriormente la situazione. Le piante non radicate bene, con una crescita troppo lenta e anche carenze nutrizionali e con poveri fiori possono essere tutti sintomi di una temperatura di irrigazione inadeguata.

Se abbiamo la fortuna di essere in grado di utilizzare l'acqua del rubinetto per irrigare le nostre talee o semi di marijuana, dobbiamo sempre considerare la differenza della temperatura somministrata in inverno ed in estate, in entrambi i casi se stiamo usando tubi flessibili sulle colture all'aperto. In inverno si possono congelare i tubi (addirittura i rubinetti in alcuni casi estremi) durante le ore più fresche della giornata, e l'acqua che ne esce durante le ore più calde della giornata non raggiunge la giusta temperatura per l'irrigazione. Al contrario, d'estate l'acqua del rubinetto é molto più calda che in inverno, ad una temperatura molto piú adatta. Diamo un'occhiata ai problemi derivati da una temperatura troppo alta o bassa, e qual è la gamma di temperature di irrigazione che si dovrebbe usare.

Leggi di più

3 Commenti:

La coltivazione intensiva all'aperto della cannabis

La coltivazione intensiva all'aperto della cannabis

Molti degli agricoltori che vendemmiano i loro raccolti dopo il raccolto all'aperto spesso coltivano solo una volta all'anno, pertanto di solito iniziano durante la tarda primavera e terminano approssimativamente all'inizio dell'autunno, quando normalmente il numero di ore al giorno di luce naturale diminuisce gradualmente. Piante di marijuana coltivate dai semi sono perfettamente adattati a questo ciclo di luce naturale, sebbene nel caso in cui si utilizzassero  talee provenienti da una coltura al chiuso possono a volte sorgere dei problemi. Il fotoperiodo naturale nella nostra latitudine (a circa 40 ° N) fa sì che le talee con radici proveniente dal coltivo al chiuso possano fiorire bene se le piantiamo in giardino all'aperto prima di giugno, visto che le ore giornaliere di sole non sono sufficienti per stimolare la crescita dei nostri piccoli cloni, che entreranno in fiorire pochi giorni prima di essere portati all'estero.

Per questo che gli agricoltori  della cannabis che utilizzano le piante provenienti dal coltivo al chiuso  destinate a crescere all'aperto non portano mai all'estero i loro cloni o piante madri prima dell'inizio di giugno, in modo che le loro piante crescano bene fino ad agosto e secondo la norma, come qualsiasi altra pianta di semi di marijuana. Comunque , questo "problema" può risultare un grande vantaggio per il coltivatore intelligente, che scoprirá presto che , con l'aiuto di una semplice serra all'esterno, potrá ottenere fino a 3 raccolti all'esterno durante un anno  ovviamente se si ha a disposizione di uno spazio al chiuso per la fase di crescita iniziale, che non deve necessariamente essere troppo grande.

Anche se la qualità delle gemme non sarà la stessa di quella ottenuta nella raccolta estiva (cosa alla quale siamo tutti abituati a vedere), il raccolto della primavera e autunno rappresenteranno un contributo extra, nel caso di avere poco spazio per crescere le piante e non essere in grado di soddisfare le esigenze annuali in un solo raccolto, ció che fará la differenza sará il fatto che la pianta cannabis sia o no in grado di essere in grado di auto nutrirsi. In seguito vedremo le principali differenze che abbiamo trovato tra un raccolto durante la stagione all'aperto (l'estate) e la bassa stagione (primavera e autunno) e vi spiegheremo come segnare i tempi e che cosa fare per ottenere con successo tre colture outdoor all'anno.

Leggi di più

0 Commenti:

Coltivazione di marijuana in SCROG

Coltivazione di marijuana in SCROG

La tecnica di coltivazione SCROG (Screen of Green) è uno dei metodi utilizzati da molti produttori con lo scopo di garantire un buon raccolto in modo semplice e senza troppe complicazioni.  Al contrario di ció che accade nel sistema di coltura SOG (Sea of Green) che già conosciamo, con la coltura SCROG di solito il numero delle piante per metro quadrato utilizzato é molto più ridotto, cosa che come vedremo in seguito ha un certo numero di vantaggi e svantaggi.

In effetti, in una coltivazione SOG di solito si coltivano circa 25-36 piante al metro quadrato (5x5, 6x6, ...)  di relativamente piccole dimensioni, in modo che le piante non abbiano bisogno di un particolare lungo periodo di crescita considerando che si può cambiare il fotoperiodo per iniziare la fioritura appena 15 giorni dopo la germinazione del seme. In mancanza di una stanza o armadio per la crescita (con 18 ore giornaliere di luce e 6 di buio), dove possano crescere le piante, mentre  si completa il processo di crescita, questo metodo consente una rapida transizione tra le colture, perché non é detto sia necessario che le piante crescano per troppo tempo. É quindi ideale per le piante con altezza moderata e per le varietà di marijuana automatiche.

Al contrario, in una coltivazione col sistema SCROG si piantano solo poche piante per metro quadrato, che logicamente dovrebbero essere significativamente più grande (o meglio dire , molto più ramificato) rispetto a quella utilizzata in una coltivazione SOG . A priori, questo sistema ha già due vantaggi: in primo luogo, molte meno piante sono necessari per coprire la stessa superficie, risparmiando così i semi o talee. Inoltre, qualsiasi agricoltore sa che è più facile  prendersi cura di 4 piante che 25, indipendentemente dalla loro dimensione. D'altra parte, un altro vantaggio di questa tecnica ha a che fare con i problemi legali. Anche se non esiste un numero specifico di piante che possono essere coltivate, se ci si trova davanti ad  un problema legale (San Canuto ci protegga) in molti paesi non sarà mai lo stesso per un giudice leggere una dichiarazione della polizia in cui vengono menzionate 4 piante che quella in cui si parla di 25 o più.

Leggi di più

0 Commenti:

Tricomi nella cannabis

Tricomi nella cannabis

Tricomi nella cannabis

Nel mondo della cannabis si è spesso parlato di tricomi. Essi contengono la maggior parte dei cannabinoidi e terpeni prodotti dalla pianta, e sono quindi ciò che viene comunemente chiamata resina, desiderio di ogni amante delle estrazioni e concentrati di marijuana. Mano a mano che la pianta si sviluppa durante le sue varie fasi secerne vari tipi di tricomi, di gran lunga il più noto e desiderato tra tutti é il tricoma ghiandolare. Sappiamo anche che il colore dei capi dei tricomi ghiandolari determina la raccolta ottimale della marijuana, sia al chiuso che all'aperto

I tricomi sono quindi la ragione per la quale la maggior parte dei consumatori della cannabis consumano questa pianta, perché è in queste ultime non solo si producono sostanze psicoattive (quelle che cercano gli utenti per il proprio diletto), ma anche altri cannabinoidi non psicoattivi come il CBD (ricercato dai pazienti, perché noto per il gran numero di applicazioni terapeutiche) o i terpeni, che sono idrocarburi con grande capacità aromatica che danno ad ogni pianta la sua fragranza e una proprietà distintive, inoltre permette di interagire con i cannabinoidi per fornire ad ogni pianta profili unici per i suoi effetti.

In questo articolo approfondiremo questo argomento emozionante e vedremo che cos’è esattamente un tricoma, così come i tipi di tricomi che produce la pianta della cannabis e perché.

Leggi di più

1 Commenti:

Come fare talee di marijuana

Come fare talee di marijuana

La chiave per un raccolto di alta qualità, inizia come sempre con la scelta della varietà di marijuana da coltivare. È importante avere a disposizione una buona pianta madre che abbia il numero necessario di cloni per la coltura. Oggi giorno, è possibile scegliere le varietà con elevati livelli di produzione che permette di ottenere un raccolto molto abbondante. È inoltre possibile scegliere le varietà con alta psicoattivitá con la percentuale di THC e CBD molto alto. Philosopher Seeds ha un gran numero di piante molto particolari che permettono di fare una selezione e godere delle sue speciali qualità.

Leggi di più

1 Commenti:

Monitoraggio di Orange Candy, Black Bomb e Sugar Pop

Monitoraggio di Orange Candy, Black Bomb e Sugar Pop

Questa volta, vi presentiamo monitoraggio della coltivazione biologica di tre varietà femminilizzate del catalogo di semi di cannabis Philosopher Seeds.

Quindi, in questo articolo vedremo come è la coltivazione delle seguenti varietà:

Orange Candy / Naranchup

  • Genetica: Naran J x Tropimango
  • Rapporto in % di Sativa-Indica : 65/35
  • Fioritura all'interno: 55/65 giorni

Si tratta di un ibrido con predominanza sativa con un aroma pronunciato a buccia d'arancia. La cui struttura, è ideale per utilizzare la tecnica SOG.

Black Bomb

  • Genetica: Black Domina x Tropimango
  • Rapporto in % di Sativa-Indica : 20/80
  • Fioritura all'interno: 55/60 giorni
  • Contenuto di THC: 18%

Black Bomb ha vinto il 3 ° premio come migliore varietà Interior Bio nella edizione 2012 della Coppa cannabis della associazione M.F. Si tratta di una varietà che produce cime compatte ideali per vari estrazioni di resina.

Sugar Pop

  • Genetica: RK # 14 x Ripper # 1
  • Rapporto in % di Sativa-Indica : 60-40
  • Fioritura all'interno: 60/70 giorni

Una genetica di crescita compatta e con un delizioso sapore fruttato e dolce. Il suo sviluppo e maggior produzione si trova nel fusto principale, quindi si consiglia di farla crescere in un Sea of Green per un miglior rendimento.

Leggi di più

2 Commenti:

Il ragnetto rosso nella coltivazione di marijuana

Il ragnetto rosso nella coltivazione di marijuana
L'invasione del ragnetto rosso

In un precedente articolo, abbiamo presentato una grave peste, le microácaros nella coltivazione di marijuana Amnesika 2.0. In questo post presentiamo il ragnetto rosso, che può essere altrettanto dannosa quanto questi ultimi.

Quindi ci concentraremo sulla identificazione e il trattamento di questo devastante insetto, prendendo come esempio una coltura estiva di Orange Candy/ Naranchup di uno dei nostri clienti  che ci permetterá di imparare a identificare il nostro nemico.

Leggi di più

3 Commenti:

Il fungo Botrytis e la marijuana

Il fungo Botrytis e la marijuana

La botrite (Botrytis cinerea), noto anche come la  muffa grigia è un fungo che attacca un gran numero di piante, si stimano oltre 200 diverse varietà che  possono essere infettati da esse. Insieme al oidio è una dei funghi esterni più comuni che secrescono nella coltura della marihuana, e visto che ci avviciniamo all'inizio della della fase della fioritura vale la pena ricordare come possiamo prevenirne la comparsa di questi funghi nel nostro giardino. Se il coltivatore no fa accurata attenzione e le condizioni di riproduzione sono adeguati, una infezione Botrytis può rovinare una coltura in pochi giorni, proprio nel momento in cui le piante raggiungono il loro pieno sviluppo.

Botrytis è in grado di  una riproduzione sessuata e asessuata, nutrendosi dei tessuti della pianta ospite. Ci sono 22 specie e un ibrido derivato dal genere Botryotinia; tema sulla quale abbiamo  scritto un post (cinerea) viene usato in alcuni vigneti per la produzione di nobili vini di ottima qualità, perché il fungo provoca che aumentino i tassi di zucchero nelle uve e migliorino le qualità organolettiche del vino che se ne ricava. Diamo un'occhiata a come possiamo identificare, prevenire e trattarla.

Leggi di più

2 Commenti:

La coltura idroponica per la marijuana

La coltura idroponica per la marijuana
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La coltura idroponica (dal ὕδωρ greco [lambda] = 'acqua' e πόνος [ponos] = 'lavoro') è un metodo di allevamento che, nonostante quello che si potrebbe pensare, pare che abbiano incontrato prove di secoli e secoli fa che dimostrino che gli Aztechi o i Romani avessero usato questa tecnica nei loro campi e giardini botanici. Probabilmente gli Aztechi furono i primi ad utilizzare questo metodo in modo efficiente, e lo studio di questa tecnica risale al 382 a.C. Ma ... che cosa è esattamente il coltivo idroponico?

Comprendiamo attraverso il coltivo idroponico - noto anche come coltivazione senza terra - il fatto che le piante crescono in un mezzo inerte (sterile) o direttamente in una soluzione minerale che nutre le nostre piante. Così, in entrambi casi, piante ricevono nutrienti attraverso l'acqua (soluzione nutritiva) e non dal substrato in cui sono alloggiati. Vedremo a seguito i vari terreni di coltura più utilizzati in questo sistema come adattare questa tecnica per la coltivazione della cannabis.

Per coltivare questo metodo di coltura, vi consigliamo ceppi più corti di misura , perché in coltura idroponica le piante hanno una tendenza a crescere verso l'alto più che nella coltivazione nella terra. Noi del Philosopher Seeds consigliamo la coltivazione per le seguenti varietà per ottenere colture omogenee addirittura anche dai semi: Black Bomb, Heaven's Fruit, Tropimango, Sugar Pop, Orange Candy e Guava Berry Kush.

Leggi di più

0 Commenti:

Tripidi nella coltivazione di cannabis

Tripidi nella coltivazione di cannabis

Sebbene di solito i tripidi (insetti dell'ordine Tisanotteri) non rappresentino una seria minaccia per le nostre coltivazioni, possono causare problemi se noi non controlliamo in modo corretto il loro aspetto e la riproduzione. Si trovano di solito particolarmente confortevoli nelle colture all'interno e nelle serre dove le temperature più calde e costanti favoriscono la loro diffusione. Attaccano un gran numero di piante, tra cui cereali, frutta, verdura, ecc

A seguito spieghiamo cosa sono esattamente i tripidi, come si riproducono e che cosa possiamo fare per evitare una invasione di questi piccoli insetti nella nostra coltivazione di marijuana. Alla fine di questo post, vi mostriamo un video HD spettacolare di un tripide mangiando spore di oidio in una foglia di marijuana.

Leggi di più

7 Commenti:

5 varietà di marijuana produttive per outdoor

5 varietà di marijuana produttive per outdoor
Black Bomb outdoor

In questo post vi parliamo delle 5 varietà di marijuana femminizzate che si adattano perfettamente alla coltivazione outdoor. Tutti i ceppi del nostro catalogo sono adatti per l'esterno, però qui parliamo dei più produttivi. Alla fine di questo articolo, vi mostriamo una galleria di foto di Guerrilla Gardening.

Anche se non è la più produttiva, vogliamo ricordare che Early Maroc è una scelta perfetta per l'outdoor e particolarmente per la Guerrilla grazie alla sua estrema precocità e per la sua poca esigenza di acqua. Per più informazioni su questa varietà, vi raccomandiamo la lettura di questo post: varietà di marijuana rapida

Leggi di più

3 Commenti:

L'oidio nella coltivazione di marijuana

L'oidio nella coltivazione di marijuana
Gemma secondaria con l'oidio

L'oidio (conosciuto anche come muffa bianca, albugine, ecc.) è un fungo parassita che attacca principalmente le foglie delle piante. Sono tante le specie vegetali attaccate dall'oidio (rose, garofani, pomodori, fragole, cucurbitacee, mele, prugne, ecc.), la cannabis è una di esse e risulta particolarmente fastidioso, perché, nei casi più gravi, finisce per ricoprire le foglie più vicine alle gemme, rovinandone sapore ed aroma.

Leggi di più

6 Commenti:

Energia elettrica nella coltivazione di marijuana

Energia elettrica nella coltivazione di marijuana

La corretta installazione elettrica della nostra coltivazione indoor di marijuana è uno degli aspetti chiave da tenere in considerazione se vogliamo un impianto sicuro ed efficiente, quindi non dobbiamo ignorare la sua importanza. Il banco di semi di marijuana Philosopher Seeds vi raccomanda di leggere attentamente questo post e di consultare un elettricista di fiducia in caso di dubbi. Un impianto di coltivo fatto male o in disaccordo con la potenza massima erogata da contratto, potrebbe significare uno sconvolgimento dei piani. Pertanto, dobbiamo avere ben chiari una serie di aspetti e non confidare in soluzioni "per tirare avanti". Certamente, utilizzare materiali omologati e di qualità è indispensabile anche per poter coltivare tranquilli.

In questo post vi parleremo di alcuni importanti dettagli, relazionati con l'elettricità, di cui tener conto quando decidiamo di pianificare e installare una coltura indoor. Dai concetti teorici fino a come calcolare le spese elettriche di ognuno degli elementi del vostro impianto. Entriamo nei dettagli.

Leggi di più

0 Commenti:

Coltivazione di marijuana in cocco

Coltivazione di marijuana in cocco

La fibra di cocco è attualmente uno dei substrati più adatto per coltivare marijuana tanto per l'indoor che per l'outdoor. Lo utilizzano solitamente i coltivatori più esperti, ma in realtà, coltivare con questo substrato è relativamente facile, se teniamo conto di una serie di regole. È necessario sottolineare, se usiamo fibra di cocco pura per coltivare, che sarà particolarmente raccomandabile avere a portata di mano dei misuratori di pH ed EC. In questo post, spieghiamo le nozioni di base da tenere a mente per assicurarsi un buon raccolto con questo magico substrato.

Per illustrare questo post, vi mostriamo alcune colture di marijuana Amnesika 2.0 in cocco.

Leggi di più

5 Commenti:

Vaporizzare marijuana

Vaporizzare marijuana

Esistono diversi metodi di somministrazione di cannabis, ingerita, fumata o vaporizzata, tra tutti, questo post cerca di spiegare in cosa consiste la vaporizzazione, quali sono i suoi benefici e quali varietà di marijuana del catalogo Philosopher Seeds sono ideali da vaporizzare. Parleremo anche di quali sono i diversi tipi di vaporizzatori più comuni che si trovano in commercio.

Che cosa è la vaporizzazione della cannabis?

La vaporizzazione consiste nel sottoporre la cannabis ad un flusso di calore al di sotto della temperatura di combustione, circa 220°/240º, e la successiva inalazione dei vapori che vengono rilasciati. La temperatura di vaporizzazione ideale della cannabis si trova tra 180°C e 210°C.

Leggi di più

1 Commenti:

Early Maroc, la varietà di marijuana precoce

Early Maroc, la varietà di marijuana precoce
Varietà precoce di marijuana

Early Maroc è la varietà di punta del catalogo Philosopher Seeds. Si tratta di una varietà particolarmente raccomandata per la coltivazione outdoor, sia per giardini domestici che per la coltivazione in “guerrilla gardening”. Parleremo della sua estrema precocità e daremo consigli per poter ottenere i migliori risultati. Vi mostreremo alcune foto di una coltivazione, fatta in penisola, raccolta a metà agosto con fiori di grandi dimensioni e di qualità impressionante.

Può anche essere coltivata indoor , sempre e quando teniamo in considerazione una serie di cose che spiegheremo più avanti in questo post.

Leggi di più

0 Commenti:

Informazioni su questo blog cannabico

Questo è il blog della banca di semi Philosopher Seeds . È rivolto a persone di età superiore ai 18 anni.

Troverai informazioni sull'autocoltivazione della cannabis, consigli, trucchi e novità dal settore della marijuana.

Per acquistare i semi di Philosopher Seeds e delle migliori seedbank europee, puoi consultare il nostro Catalogo


error_outline Utilizzo dei cookies

Utilizziamo cookie propri e di terzi per migliorare l'esperienza di navigazione e offrire contenuti di interesse. Continuando a navigare capiamo che accetti la politica sui cookie di Philosopher Seeds

keyboard_arrow_up